4 ottobre 2017

 

Parliamo di Jazz radicale.


Nei primi anni '20 del secolo scorso per ovviare a problematiche legate alle "diversità" della potenza di suono di alcuni strumenti, si divise la band in postazioni anteriori e posteriori. Cosi la parte ritmica, le trombe e i tromboni finirono dietro. Davanti restarono il clarinetto, il banjo e la chitarra (avendo volumi più bassi). 
Di sax in queste orchestre ancora non si parlava. Però, spesso si trovava la washboard o addirittura la chitarra banjo a sei corde, escludendo in questo modo sia il banjo che la chitarra tradizionale. 


Nella foto in basso, una piccola band di New Orleans. Troviamo il contrabbasso, ma in altre formazioni si poteva trovare il basso tuba o il sausofono.

 

 

il Banjo a 6 corde c.d. Chitarra Banjo

Il Sausofono... uno strumento che andava quasi indossato... 

Social Buttons: del.icio.us digg NewsVine YahooMyWeb Furl Fark Spurl TailRank Ma.gnolia blogmarks co.mments Reddit
icon date 13:06:27 | icon author Dario Aspesani
Aggiungi un commento
Autore:
E-mail:
ricopia il testo presente nell'immagine  
email visibile solo al Blogger
commento privato
ricevi i commenti successivi di questo post


Ultimi post
I "volumi" delle Jazz Band
(04 Oct 2017 13:06:27)
La Shrutibox Indiana
(25 Sep 2017 17:47:55)
Alex Berti e i sogni di Rock 'n' Roll
(21 Aug 2017 01:46:22)
Mi musica es Tu musica IL FILM!
(15 Apr 2017 19:58:34)
Premio Letterario Scrivia 2017
(15 Apr 2017 19:48:45)
Sottoscrivi il Blog
ricerca
FEED
[RSS][ATOM] All
[RSS][ATOM] Musica latina
[RSS][ATOM] Musica nord americana
[RSS][ATOM] Vini e Birre
[RSS][ATOM] Film musicali
[RSS][ATOM] Cinema
[RSS][ATOM] Strumenti musicali
[RSS][ATOM] Balli latini
[RSS][ATOM] Letteratura
[RSS][ATOM] Politica estera
[RSS][ATOM]
[RSS][ATOM]
[RSS][ATOM] Musica d'autore
Mailing list